Comune di Marcianise (CE)

Dall'Ottocento a Oggi

Stemma Comune di Marcianise
Home » Vivere la Città » Origini e Storia della Città » Dall'Ottocento a Oggi
Dall'Ottocento a Oggi
Alla data del 1811,dalla statistica Murattiana, ovvero da quel complesso di relazioni fatte approntare per voler di Gioacchino Murat, re di Napoli,in vista di una statistica generale del Regno, Marcianise appare come un centro fornito di sufficienti servizi pubblici. A Marcianise esiste una casa delle carceri, un ospedale civile, le strade sono larghe e lastricate, le chiese sono maestose e vi è un macello situato fuori dal centro abitato. Durante l'Ottocento e prima dell'unità d'Italia Marcianise inizia una lenta fase di sviluppo che la porta al parziale ammodernamento di alcuni servizi o alla realizzazione di alcune opere pubbliche: nel 1838 furono iniziati i lavori per la costruzione del cimitero comunale, nel 1833 invece era stata costruita la strada della Madonna della Libera.Nel periodo 1848/53 aumentarono le spese per le strade perchè quelle costruite erano in pessimo stato, mentre nel 1854/60 fu costruita la nuova strada di S. Pasquale.

Nei decenni successivi all'unità d'Italia Marcianise fa decisi passi avanti sul piano della dotazione dei servizi pubblici che migliorano decisamente la qualità della vita in vari settori:nel 1866 venne inaugurata la stazione ferroviaria, posta sulla linea Napoli-Caserta-Benevento-Foggia. Sempre nel 1866 venne inaugurato il nuovo cimitero e nel 1868 furono inaugurati un asilo infantile,la sede delle scuole elementari ed una biblioteca popolare, mentre, nel frattempo, fu dato inizio al rifacimento ed al miglioramento della rete stradale interna e alla costruzione anche di nuove strade, al potenziamento dell'illuminazione e della rete idrica e fu realizzato il nuovo palazzo municipale; a segno documentale di questa fase di sviluppo di Marcianise, nel 1872 con decreto di re Vittorio Emanuele II,Marcianise ottenne il prestigioso titolo di città.

Eppure questo sviluppo in senso civile di Marcianise avveniva in un quadro sociale ed economico ancora statico e poco modificato rispetto alla tradizione:l'agricoltura rimaneva e continuava ad essere l'unico mezzo di sussistenza.Ciò nonostante nel brulichio di coltivazioni passate e nuove cominciavano a farsi largo le cossidette "aziende".Grazie a quest'ultime si fece fronte a numerose crisi agricole,come quella cerealicola risoltasi mediante riconversioni verso la produzione della canapa.

La realtà socio-economica di Marcianise nei primi anni del Novecento non appare particolarmente diversa da quella che ha contrassegnato la città nel secolo precedente anche perchè non muta la struttura economica di fondo: il fascismo trova l'appoggio del ceto dei maggiorenti locali che, in qualche caso, diventano anche esponenti di spicco dell'organizzazione del partito a livello locale.Nei venti anni che vanno dal 1931 al 1951 Marcianise riprende a crescere in maniera ancora più impetuosa superando i 20.000 abitanti in vista delle profonde trasformazioni che dal secondo dopoguerra e nel giro di trenta-quaranta anni vedranno fortemente fortificata l'entità economica,sociale e culturale di un paese che finora è cresciuto in un quadro strutturale abbastanza omogeneo e stabile.Sono dati questi che indicano e testimoniano di una realtà sociale internamente dinamica,che si era portata al di là di ogni momento di crisi, compreso le due guerre mondiali.Tali trasformazioni sembrano già avviate all'inizio degli anni '50 sempre nel rispetto di quelle caratteristiche rurali ormai connaturate nel tessuto sociale della comunità marcianisana.

Alla conclusione del secondo conflitto mondiale si associa l'inizio di un irrobustimento della classe intermedia dei professionisti, di quel ceto che potremmo chiamare borghese. Ciò poneva evidenti esigenze di una rappresentanza politica e di guida del governo della cosa pubblica locale.Si tratta di un processo di ricambio che trova la sua occasione favorevole con l'avvento della Repubblica e l'avvio del sistema democratico dei partiti e soprattutto della Democrazia Cristiana. Le forze di rottura si ritrovano nel Partito Comunista e nel Partito Socialista ma senza raggiungere, almeno nella fase iniziale, forza di gestione reale della città.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Marcianise (CE) è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con il CMS ISWEB ®

Privacy - Note legali - Responsabile del procedimento di pubblicazione - IBAN

Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il progetto Comune di Marcianise (CE) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it